Gusci a perdere

Gusci a perdere

E sbatti ancora
contro i dolori
dentro sguardi impauriti
in silenzi imposti
e nelle gocce che scendono
Flebo e lacrime
e saliva assente.
Gole che grattano
polsi legati
e aria pompata.
Salvati da sedativi
e da amnesie.
Ma dov’è la salvezza
per queste finzioni di vita?
Quale il prezzo
per i gusci a perdere?
E restano giorni rubati
immersi nell’agonia
di un male che consuma.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

sette + diciassette =

*